STERNATIA - MARTIGNANO

MADONNA DE LI FARAULI

Il legame tra il mondo contadino e la religione in passato era molto forte. Gli agricoltori rivolgevano continuamente preghiere al cielo per avere una buona annata di raccolto. Per questa ragione, percorrendo le vie di campagna spesso si incontrano chiesette con nomi molto singolari.
Al confine tra l’agro di Sternatia e quello di Martignano vi è una chiesetta il cui nome non è certamente quello originario, dato che potrebbe trattarsi della Cappella di Santa Maria della Neve che viene citata nelle visite pastorali. Questa chiesetta, presa come punto di riferimento dai contadini, con il passare del tempo è stata intitolata alla Madonna dei Farauli, appellativo che oramai la identifica e che cercava di esorcizzare la presenza di un insetto, chiamato tonchio (in dialetto faraulu), particolarmente dannoso per le leguminose: fagioli, piselli, fave, ecc.

I demàta a to kòsmo kuntadìnu ce pistèo ìane poddhì ssittò. Tus antièri votìstisa prakalònta pànta jurèonta ton ajèra na’chune pìa kalì annata, na nòsone kanèa pràma. Ja tùo sàtti pratùne te stràte mèsa ta koràffia sozzune torìsi kampòsse kèccie anglisìe. Mèsa to fèo a pu Starnaìtta ce cìo pu Martignàna echi mia kèccia anglisìa ca ta lèune ènan-àddho nòma, ma ine i anglisìa Aja Maria a to chiòni, pu erchete nomàtimena motti kannune visite pastorali.
Tùsi anglisìa, iane poddhì simàte mportànte ja cìttu kuntadinu, javènnonta i chrònu àrtena fonàzzete Maddònna dei Farauli, na sozzane lluntanèsci tos ttinò picciùsi put a lèane tonchio (à dialettu faraulu) poddhì kakò ja ta leùmmia: pasùja, àcho ce kuccìa.

continua il percorso

LACCU DE LU CRAPARU

DOLMEN CRANZARI