ZOLLINO - MARTIGNANO

DOLMEN CRANZARI

Una oscura leggenda zollinese racconta di un religioso che abitava in una campagna denominata Cranzari al confine tra Zollino e Martignano.
Si racconta che questo prete, sempre vestito di nero, si aggirasse nell’oscurità della notte con la sola luce di tre candele praticando dei riti profani attorno a un dolmen utilizzato come altare per sacrifici umani.
La struttura megalitica è ancora presente in questa campagna tanto che ancora oggi si tramanda il detto griko: "Sto Cranzari echi o Patera me tria cerìa sti chera ovvero Al Cranzari c’è il Prete con tre candele in mano".

Mìa skotinì novìa zuddhinì kuntèi asce na pistìo ca to spìti istike mèsa to koràfi pu to lèane Kranzari kùkkio mèsa Zuddhìnu ce Martignàna.
Lèune ca cìtto patèra, pànta ndìmeno asce màvvro, vòtiato ecì to skotinò asce nìtta, manechà me to lùstro asce trìa cerìa, kànnonta pràmata àpiste ecì simà stò dòlmen usèonta tùo kùndu artàri jà na sfàzi kristianì.
I fùrma megalitica stèi nkòra situào tu si koràfi ca pùru àartena felà o dittèrio griko: stò Kranzàri èchi o patèra me trìa cerìa sti chèra.

continua il percorso

MADONNA DE LI FARAULI

MENHIR STAZIONE