CALIMERA - MARTANO - CARPIGNANO SALENTINO

LE QUATTRU PORTE

Quattro lati. Quattro porte. Quattro direttrici. Quattro feudi.
Tra i muretti a secco di una campagna nei pressi del boschetto di Calimera, una struttura rurale ormai abbandonata, testimonia la scomparsa di quella che una volta era terra di vigneti.
Data la presenza di 4 arcate, Le Quattru Porte, era un palmento per pigiare l’uva, aperto da ogni lato per permettere lo scarico da ogni direzione. Le quattro porte si pensa infatti che possano coincidere con le direttrici che uniscono quattro feudi, Calimera, Martano, Carpignano Salentino e Melendugno. Secondo le testimonianze dei locali, nel 1921 la peronospora causò la distruzione dei vigneti e il conseguente abbandono della struttura.

Tèssera merèi. Tèssera porte. Tèssera direzziùne. Tèssera fèi.
Mèsa tìchi asce lisària c’èssu nà koràfi kondà to dàso a pù Kalimèra, echi ena spìti poddhì palèo ipù ormai en echi tinò, iane koràfi asce ampèja. Echi 4 arkòve ce tèssera porte iane na parmèntu na sozzune zzefortòsi. Tèssera porte ja tèssera chorìa, Kalimèra, Martàna, Karpignàna ce Melendugnu. Cìo pu lèune i kristianì ene ca pù 1921 ì peronòspera èchame poddhì kakò, ja tùo chàsisa kristianù ce ampèja, lluntanèonta o to spìti.

continua il percorso

SPECCHIA DEI MORI

SANTU COSIMU