CARPIGNANO SALENTINO - MARTANO

SANTU COSIMU

Una delle fiere più antiche e importanti nel territorio griko è quella di Ognissanti a Carpignano il Primo Novembre. Questa festa originariamente nasceva come celebrazione dei Santi Medici e si svolgeva nei pressi della Chiesetta de Santu Cosimu, tanto che il detto popolare era: “Epame ston a' Commà ce kannume mia ronda” ovvero: “Andiamo da San Cosimo e facciamo una ronda (suonando i tamburi)”
La chiesetta votiva situata nelle campagne al confine tra l’agro di Carpignano Salentino e quello di Martano è ormai diroccata, e oggi quelle rovine fungono da rimessa per mezzi agricoli, ma le pietre della sua costruzione sono ancora in grado di custodire la storia della festività.
Il racconto dei locali infatti narra che al momento del crollo della chiesetta dal suo interno fu salvato il quadro che raffigurava i Santi Medici. Questo dipinto, da allora conservato nella Chiesa Madre del paese, determinò lo spostamento del luogo di fiera pur mantenendone lo spirito agricolo come da tradizione.

Ena tè fère plèo palèe cè simàte to fèo griko ene cini a pu Karpignàna, fèra Tos Àjo o Protinò Novembri. Chònu ampì, tusi fèra jennìtti na onorèzzune tus Aji Mèdeci Kòsma ce Damiànu, ambrò sin kèccia anglisìa tu àjo Kosma ma àrtena stei sgarrai. Sìmberi te ruvine a citti kèccia anglisìa pu stei mèsa Karpignàna ce Martàna, usète manechà ja garace ce puru echi ncòra lisària pu kratènnone ia i storia cinì jortì. I kùnti a tùs kristianù mas lèune ca sàtte i anglisìa èpese, a pu c’èssu iche sarvettònta o pìnaca, o litràtto tos Aji Mèdeci. Utto vammèno, sàtti èpese i kecciulài anglisìa, to kratènnune c’èssu t’anglisìa màli tu chorìo e paù tòta puru i fèra ta ìchane sìsonta, puru krarìsonta i tradiziuna.

continua il percorso

LE QUATTRU PORTE

FURNIEDDHU ME TO STAVRÒ