CALIMERA - MARTIGNANO

LA CUNEDDA / SERGIO E BACCO

Tra i muretti a secco di un vecchio tratturo, lungo una delle direttrici che spaccavano il Salento da mare a mare, nelle campagne al confine tra Calimera e Martignano sono ancora oggi presenti i resti di quella che i calimeresi chiamavano la Cappella de la Cuneddha ovvero Chiesetta dell’Iconella, dove, ancora oggi su un muro tra le rovine, è presente un’immagine Santa della Madonna Odigitria.
Gli atti comunali di Martignano riportano invece la stessa chiesetta intitolata ai Santi Sergio e Bacco raffigurati in quello che resta di un antico affresco posto sullo stesso muro.
Sergio e Bacco sono considerati due Santi particolari poichè hanno subito insieme il martirio e per questo la tradizione greca li vuole uniti per sempre, nella vita e nella morte, come se vivessero una relazione sentimentale. Per questa ragione, sono identificati come i protettori delle persone omosessuali.

Mèsa tichi asce lisària na palèa diammà, kùkkia a ti simàti pù scìzise o Salèntu apù tàlassa èna m’on addho tàlassa, a pu cèssu ta koràffia kùkkio mèsa Kalimèra ce Martignàna, sìmberi ncora èchi minòmata à ti Cappella de la Cunèddha tui òli i kalimerèsi fonàzzane i kecciulài anglisìa a pu Iconella, epù ncòra àrtena apànu tò tìcho mèsa te katalìme mìa akonèddha àja Maddònna Odigìtria. Ma ta kartìa a ta kumùna mas pùne nvèce ca tùi ène t’anglisìa a timì tos Àji Sergio ce Bacco vammèni apànu ssèna tìcho minomèno. Sergio ce Bacco ìne pprezzài jatì isane dìu aju tus ichane marturìsonta, jà tùo to stannù grika tus tèli panta koddimènu, si zoì ce puru apesammèni, kùndu armammèni. Ja tùso skòpo prakalimmèni kundu filazzìti ja òli kristianì omossessuali.

continua il percorso

FURNIEDDHU MANDAFORI

FURNIEDDHU MANDAFORI

LACCU DE LU CRAPARU