ZOLLINO - MARTANO

FURNIEDDHU MANDAFORI

FURNIEDDHU MANDAFORI

Nei pressi di un antico tratto di strada d’epoca romana tra Zollino e Martano, tra canali scavati su rocce affioranti e specchie, compare una costruzione rurale molto particolare. Si tratta di un furnieddhu del tutto differente dalle solite pajare utilizzate per uso agricolo poiché questo ha una struttura fortificata, come se fossero due furnieddhi, l’uno costruito sull’altro.
Probabilmente la funzione di questa costruzione è strettamente legata al toponimo della campagna in cui si trova, ovvero Mandafori, termine che indica un “posto di cambio” dove i messaggeri si recavano per depositare le corrispondenze, sostare e cambiare i cavalli durante la percorrenza di questa via che collegava il mare Adriatico al mare Ionio.

Kukkia a ce èna arkèa stòzza stràta apù èpuka rùmana mesa Zuddhinu ce Martàna, amèsa kanàja skammèni apàanu klòzzi ce scèkle, fènete na fràbbiko agrikò poddhì anàpudo. Ene na furnièddhu poddhì spùrio a scè ole te pajàre nghiastikè chrissi agrotì, sikkòmu tùo vastà mia furma dinatisonta, sia ca iane dìu furnièddhi, èna frabbikào apànu ton àddho. Sòzi èste ca o skòpo asce tùo ène ssittà demèno a tò topònumo tò koràfi pu vrìskete, felà n api Mandafori, lo ka tèli stò pi “tòpo asce dhamma” ipù messàggeru ipìane na finnòne tos grammàto, na stasune na spirì tu si stràta pù esmitte i tàlassa Adriaticu me i tàlassa Jonio.

continua il percorso

KURUMUNY

LA CUNEDDA