CASTRIGNANO DE GRECI - CORIGLIANO D’OTRANTO

FURNIEDDHU ME TO STAVRÒ

Inoltrandosi nelle vie di campagna al confine tra Castrignano de’ Greci e Corigliano d’Otranto, si incontra una struttura rurale differente per forma dalle solite pajare poiché assomiglia di più a una casa. Sulla trave di pietra che sovrasta la sua porta d’entrata vi è incisa una croce. Il simbolo religioso è spesso ricorrente nelle costruzioni a secco tanto che, entrando in qualche furnieddhu, rivolgendo lo sguardo verso l’alto è possibile scorgere la chiave di volta che, spesso, reca incisa la croce. Il simbolo è impresso in modo tale da indurre chi entrava nella struttura a rivolgere lo sguardo verso l’alto, in direzione del cielo, ossia verso l’universo spirituale al quale i contadini indirizzavano le loro richieste ed affidavano le loro speranze. La croce incisa ha un probabile valore apotropaico in grado di garantire la protezione dalle malumbre ossia dagli spiriti malefici.

Skiaffèonta c’èssu e stràte ta koràfia mèsa Castrignàna ce Koriàna tu derentò, sozzi antisìsi fràbbeko zallo anàputo spùrio a te pajàre siccòmu fènete plèo-poddhì a na spìti. Apànu sti porta echi mia krapùli asce lisàri, me ti singa asce stavrò. Simàssia pistìi pu ìstikane pànta c’èssu i fràbbiki ìseri, ce mbènnonta kanonònta apànu sòzzune torìsi to klitì ti làmmia, ecì-pànu èchi i singa to stavrò. Tùo ìstiche ci-pànu n’amposì olu i kristianì ca mbènnane na kanonìsone apànu ton ajèra a to kòsmo pneumatikòs, pu votùane ta antièrria jurèonta poddhè chàre. To stavrò singào tèli na pì ca felà apotrèpo na lluntanèzzone te malùmbre e ja òlu cinu pu kannune danno, na sozzone èchi filàzzi.

continua il percorso

SANTU COSIMU

SCINEO MALI