CASTRIGNANO DE GRECI - MELPIGNANO

SCINEO MALI

Al confine tra Melpignano e Castrignano de’ Greci, una stradina di campagna oggi diventata periferia, conserva ancora il suo aspetto originale grazie alla presenza di muretti a secco che delimitano campi coltivati. Questa particolare contrada è identificata dal nome Scineo Mali.
Il toponimo deriverebbe dal greco σχινος con cui si indica la pianta del lentisco, vegetazione presente in tutto il Salento da cui si ricava il cosiddetto “olio dei poveri” e che, secondo anche Plinio il Vecchio, veniva utilizzato per aromatizzare il vino. Il suffisso mali indica la parola μεγαλη, ovvero grande, sicuramente aggettivo con cui veniva indicata una masseria nelle vicinanze.

Mèsa Melpignàna ce Castrignàna, èchi mia kèccia stràta mèsa tòtsu, àrtena defòre pu kratenni fèrma pos ìone prìta jatì echi tìki asce lisària pu simàzune te kiusùre skammàe. Tùsi merèa fonàzzete “Scinèo Màli”. O nòma-tu erkete a ton greco σχινος pu mas dìzzi i kiànta to scìno, iane olo to Salentu gomào tusi kiànta “alài tos techò”, secundu cìo pu ìpe Plinio il Vecchio, ndiazzato ‘na nsapurisi to krasì. To lòo màli μεγαλη ene puru i massarìa pu stèi eci-simà.

continua il percorso

FURNIEDDHU ME TO STAVRÒ

DOLMEN PLAU