CORIGLIANO D’OTRANTO - ZOLLINO

LU MBROIA

Il fruscio degli alberi è musica, basta solo saperla ascoltare.
Per sentire questa musica basta spostarsi tra uliveti al confine tra Corigliano d’Otranto e Zollino, lungo la via che costeggia la ferrovia, dove i muretti a secco segnano il perimetro di una campagna che si tramanda nella stessa famiglia di generazione in generazione. Oggi è un giovane cantautore a possedere Lu Mbroia, toponimo della zona agricola ereditata dal nonno, e questo passaggio generazionale ha portato alla trasformazione della zona, da luogo di lavoro a luogo d’ispirazione e di spettacolo.
L’aia in pietra costruita tra gli alberi d’ulivo, dove una volta si battevano il grano e i legumi, oggi funge da palcoscenico e la musica e l’arte hanno permesso di ritornare a vivere l’ambiente rurale.

O ruscio tus àrguli ene mùsika, kanì manekà zzèri na ti kùsi. Na ti sozzi kùsi na sistì mèsa ta potàrita, kondà pu Koriàna tu derentò ce pu Zuddhìnu, ecì simà ti stràta ferràta, ipù ticho-ticho lisària simazùne i merèa ena kiusùra pu pài pànta ìsi generazziùna asce poddhì ceròn ampì. Artena to koràfi “Lu Mbroia” ton èchi èna koràsi travudari pu vastà isio noma ùtto rùko ione a to pappo-tu, diavènnonta ton anìscio, to chòma en èene plèo asce sporìa, ma ene mèreo tos poeto.
To alòni asce lisària mèsa tus àrguli asce potària, pu mìa forà alonìzzane ce stompìzzane to sitàri, tus àxo, sìmberi pai jènonta tòpo asce mùsika, sce tènni, ce kànnune na ngulèsciome, na nnamorettùmesta mapàle a to chòma.

continua il percorso

TORRE CUMIRRI

KURUMUNY