CORIGLIANO D’OTRANTO - CASTRIGNANO DE GRECI - MELPIGNANO

DOLMEN PLAU

I “dolmen”, dal bretone “Tavola di pietra”, sono monumenti neolitici particolarmente diffusi nel Salento la cui funzione non è stata ancora del tutto chiarita. Secondo alcune teorie la loro presenza aveva scopi funerari e accompagnava sepolture individuali o collettive; secondo altre ipotesi fungevano da altari o luoghi di culto.
Una delle campagne al confine tra Corigliano d’Otranto, Castrignano De’ Greci e Melpignano, custodisce una cosa molto singolare ovvero la presenza di due dolmen uno affianco all’altro.
La posizione delle due strutture megalitiche, e il fatto che siano molto vicine l’una all’altra, conosciute entrambe come Dolmen Plau, fa pensare che il toponimo derivi proprio dalla loro posizione. La suggestione è che Plau sarebbe quindi legato alla parola “Plai”, che indica la spalla.
È estremamente comune, sia in griko che in greco, indicare due cose o persone molto vicine usando la locuzione “πλάι πλάι”, letteralmente “spalla a spalla”.

Tùs “dolmen” à tin glòssa bretone “tàvvla asce lisàri” ìne monumenti neolitici, ìne amètriti stò Salentu, ma jatì felàzzane, ncora en to scèrune makà è ’na fanerostì. Kuài kristianò lèi ca stène ittù, ja skòpu funerali kkumpagnèonta chòmae monè òji chòmae asce poddhì kristianù; addhi pistène ìane artàri o tòpo asce pròskima. Ena koràfi pù stei mèsa Koriàna to derentò, Castrignàna ce Melpignàna, to koràfi kràtise mia prama poddhì anàpudo jatì tùo vastà dìu dolmen koddhistònta ena mon addho. I posizziùna asce oli ce dìu dolmen ca stène koddhimèni, nomatimmèni kùndu dolmen Plàu, mas kànnune na pensèsciume ca ta tos lèane ìtu jatì ò lòo “Plàu” ène probbio i plài. Poddhì piunnà a griko oppùru a greco, motte dìu pràma o dìu kristianì stèone kukkia, sozzume pì “Plai – plai”.

continua il percorso

SCINEO MALI

TORRE CUMIRRI